butterfly.jpg

Per attirare le farfalle le hanno prese per la gola. Nel senso che hanno studiato gli arbusti e i fiori che piu’ attraggono questi lepidotteri e poi li hanno trapiantati in un boschetto, dove gia’ c’era una piccola palude destinata alla riproduzione degli anfibi rari, come la rana di Lataste. Gli studiosi del Parco Adda Sud hanno lavorato per qualche mese intorno a questo progetto e adesso a Villa Pompeiana, piccola frazione di Zelo Buon Persico, le farfalle sono di casa.

“Abbiamo pensato di creare un giardino di poco meno di un ettaro di estensione, dove questi insetti possano vivere e riprodursi senza intrusioni eccessive e dove esistano piante e alberi di cui sono ghiotti” racconta Riccardo Groppali, direttore del Parco Adda Sud. A Villa Pompeiana, vicino al centro visite del Parco, sono stati trapiantati dei prugnoli e dei ciliegi selvatici, che hanno fiori che per le farfalle sono vere e proprie calamite. Poi il tiglio selvatico, ma anche alcune specie rare, come ad esempio la spincervina e la frangola. Queste ultime sono state scelte con un obiettivo particolare: facilitare la riproduzione delle larve della Cedronella, una farfalla di un color verde pallido che e’ davvero meravigliosa da vedere. Grazie alla frangola, quindi, nel giardino di Zelo Buon Persico si possono osservare la Cedronella ma anche la farfalla Cavolaio, la Papilio machaon dalle ali nere, gialle, blu ed arancioni, la Aurora oppure alcune componenti della famiglia delle Vanesse, come la Vanessa io, quella Vulcano o quella dell’Ortica. Il giardino delle farfalle si puo’ visitare tutti i giorni, da soli o con la guida del parco (serve la prenotazione, tel. 0371411129). Basta parcheggiare all’area di sosta del centro visite di Villa Pompeiana, a due passi dalla Paullese e inoltrarsi a piedi per cinque minuti fino al boschetto.